Finanza e Mercati

Infografica sul costo del credito: sale l’incertezza per le imprese

infografica sul costo del credito

Dati positivi sugli autoliquidanti, meno sul ritardo pagamento fatture: le PMI ancora svantaggiate

di: Samuele Tramontano

Ad una prima occhiata la situazione dei tassi di interesse sugli autoliquidanti nel nostro Paese nel Q2 del 2018 sembrerebbe migliorata; ed infatti è proprio così, anche se si tratta di una evoluzione che poggia su basi apparentemente poco stabili e che non ha aiutato a colmare le enormi differenze tra PMI e grandi imprese.

L’Osservatorio sui Tassi di Interesse di Credimi ha elaborato gli ultimi dati di Banca d’Italia, e la fotografia che emerge, analizzando i tassi del secondo quarter del 2018 rispetto allo scorso anno, è un ritratto sorridente dal Nord al Sud; sebbene infatti sussistano marcatissime differenze tra le Regioni settentrionali e quelle meridionali, gli interessi sono diminuiti praticamente ovunque nel nostro Paese (eccezion fatta per la Liguria e la Calabria).

infog 1

Come dicevamo però la situazione per le piccole e medie imprese rimane molto difficile, specialmente in alcune regioni del Sud, in cui il tasso effettivo supera il 10% (Sicilia ed ancora Calabria); il trend, però, sembrerebbe nel complesso lasciar bene sperare per il futuro.

Ed invece la speranza vacilla, ed un po’ si perde, confrontando il costo del credito con altri dati (contenuti nel report gratuitamente scaricabile), come il calo del PIL dello 0,1% nel terzo trimestre dell’anno corrente certificato da ISTAT. E soprattutto la crescita del ritardo medio di incasso delle fatture, ora nuovamente vicino agli 11 giorni. Una difficoltà effettiva ed impattante specialmente per le PMI, per le quali i servizi di finanziamento crediti (come il factoring digitale di Credimi) possono dare ossigeno con velocità per rimettere in moto il circolante e le attività.

infog 2

Insomma, c’è quindi un po’ meno da pagare ma molto poco da festeggiare.

Credimi rappresenta un esempio di come la finanza digitale può aiutare le imprese più moderne e dinamiche: sviluppa soluzioni di factoring digitale, flessibili e adattabili alle esigenze di ogni responsabile finanziario, sempre disponibili, semplici da attivare in pochi giorni online, completamente senza costi fissi.

SCOPRI DI PIU'

 

Altre notizie simili

Tasso di interesse: il costo del credito a marzo 2017

Report Credimi sul tasso di interesse reale pagato dalle imprese per finanziamenti su anticipo fatture e RiBa, con i dati di Banca d'Italia a marzo 2017.

Cosa fare per ovviare all'attesa per gli incassi in azienda

La nuova edizione dell' 'Osservatorio sui Tassi di Credimi – Q1 2018' mette in luce preoccupanti tempi di attesa in Italia per l'incasso delle fatture.
Tassi di interesse sul credito per PMI

Infografica sui tassi di interesse per Regione, chi sale e chi scende

La nuova edizione dell'Osservatorio sui Tassi di Credimi fotografa un miglioramento del tasso sui crediti con molti punti interrogativi per le PMI.