Finanza e Mercati - 06 novembre 2018
Finanziare le start up: quando è meglio un fondo e quando un "angelo"

vademecum.png

Scopri gli strumenti e acquisisci il linguaggio della nuova finanza alternativa e digitale

Vademecum dei nuovi strumenti finanziari a disposizione del CFO.

SCARICA ORA

Ecco chi supporta le imprese appena nate e quante sono state le operazione di scaleup nel 2018

di BeBeez

Da inizio anno a metà ottobre gli investitori di venture capital italiani e internazionali hanno finanziato per oltre 363 milioni di euro ben 22 cosiddette scaleup italiane (cioè start up che sono riuscite già a “scalare” il loro business e a raggiungere dimensioni interessanti per essere aziende giovanissime), con ben nove società che hanno raccolto round dai 12 milioni in su. Un dato che emerge dal database BeBeez Privata Data, considerando soltanto le società che in questi mesi hanno raccolto round dai 3 milioni in su e che quindi possono essere considerate “start up cresciute”. Il dato è estremamente positivo per il mercato italiano, anche eliminando l’ultima grande operazione annunciata - decisamente fuori scala rispetto alle altre - e cioè il round da 100 milioni di euro che ha portato a casa nei giorni scorsi Prima Assicurazioni, la start up insurtech specializzata nella distribuzione di polizze auto, che sfrutta sofisticate tecnologie di intelligenza artificiale per comprendere al meglio i bisogni e le necessità di ogni singolo utente. A firmare il ricco assegno sono stati Goldman Sachs Private Capital Investing e il fondo Tactical Opportunities di Blackstone. Anche non considerando questi 100 milioni, si diceva, il dato di 263,5 milioni sarebbe già comunque eclatante, in quanto più del doppio dei circa 110 milioni raccolti da 13 scaleup italiane in tutto il 2017 (arrotondando per tenere conto del cambio con il dollaro, visto che in alcuni casi i round sono in valuta Usa). Il tutto a indicare che il mercato in Italia sta maturando e che c’è, quindi, da un lato una maggior attenzione degli investitori internazionali, mentre dall’altro le start up sono sempre più numerose e nel numero iniziano a distinguersi quelle più promettenti.

A supportare le imprese appena nate, o nate da pochi mesi e quindi per definizione non quotate, non sono però i fondi di venture capital, che di norma entrano in una fase un poco più avanzata, cioè quando esiste già un prodotto o un servizio sul mercato. Gli investitori più comuni ad accompagnare i primi passi delle aziende sono invece i cosiddetti business angel, cioè manager o imprenditori che amano investire personalmente in progetti di nuovi business, da soli oppure organizzati in network. In genere si tratta di investimenti da qualche decina di migliaia di euro per progetto, e gli investimenti vengono fatti in maniera seriale. Spesso il business angel non investe soltanto capitali ma anche il proprio tempo al progetto, che quindi in genere riguarda un settore che il business angel conosce bene per esperienze lavorative presenti o passate. Negli ultimi anni spesso in Italia i network di angeli hanno iniziato a investire al fianco dei fondi di venture capital in operazioni seed. I principali network di angeli italiani sono Italian Angels for Growth (IAG) e Italian Business Angels Network (IBAN). In questa fascia si collocano anche le piattaforme di equity crowdfunding, che raccolgono capitali tra investitori privati e non. Le piattaforme, grazie agli ultimi sviluppi normativi, possono in realtà ospitare campagne anche di pmi tradizionali, tuttavia sinora la stragrande maggioranza delle campagne ha riguardato start up innovative, per cui sicuramente vanno annoverate tra gli strumenti più utili di supporto alla nascita e crescita delle start up.

Finanziare start up

Ma non è tutto. Sempre nelle prime fasi di sviluppo delle startup ci sono altri due soggetti che possono fare la differenza. Si tratta degli incubatori e degli acceleratori d’impresa. In entrambi i casi si tratta di soggetti che supportano le start up offrendo loro una vasta gamma di servizi che includono spazi fisici, attività per lo sviluppo del business e opportunità di integrazione e networking. In genere, però, gli incubatori supportano i team che stanno per fondare una start up, cioè non hanno ancora ufficialmente avviato un’impresa, o che sono in una fase molto precoce, mentre gli acceleratori affiancano solitamente start up in una fase un poco più avanzata e che quindi possono affrontare un percorso di accelerazione e crescita attraverso uno specifico programma.

Una volta portato sul mercato il prodotto e il servizio e mostrato soprattutto che per quel prodotto o servizio un mercato esiste, ecco allora che gli interlocutori delle start up cambiano e più frequentemente diventano soggetti strutturati, cioè fondi di venture capital, che a loro volta possono comunque avere approcci di investimento diversi a seconda delle fasi del ciclo di vita delle start up che vanno a prediligere, e quindi a seconda delle dimensioni dei singoli investimenti che sono pronti a sostenere. Tra gli operatori di venture capital si distinguono quindi quelli di “seed” capital, che cioè supportano le start up nelle loro prime fasi di vita e quelli di “scaleup”, che supportano cioè le start up che ormai hanno raggiunto dimensioni più grandi e hanno quindi bisogno di capitali più importanti per scalare di dimensione. In mezzo ci sono i venture capital classici, che investono in startup che già hanno ottenuto l’investimento seed, ma che ancora hanno bisogno di benzina per sviluppare il proprio prodotto o servizio.
I fondi di venture seguono le logiche di quelli di private equity, con la differenza che gli investimenti sono molto più rischiosi, perché la mortalità delle aziende sulle quali i fondi scommettono è molto elevata. Per contro, le aziende che invece hanno successo, hanno facilmente tassi di crescita esponenziali e quindi un rendimento molto elevato per gli investitori, che in questo modo si ripagano anche degli investimenti fallimentari.

finanziare le start up

I fondi di venture capital non comprano mai l’intero capitale delle startup target, perché i fondatori delle startup sono la vera ricchezza dell’azienda, essendo coloro che hanno avuto l’idea e hanno la visione di dove vogliono arrivare. Per preservare la governance, a fronte di investimenti di capitale importanti rispetto al valore attuale della startup, spesso alle quote o azioni dei fondatori vengono assegnati diritti di voto plurimo.
I fondi di venture, però, hanno le stesse logiche dei fondi di private equity anche nell’approccio alla cosiddetta exit, cioè al momento del disinvestimento: un fondo ha sempre una durata limitata di vita e in quella vita deve poter disinvestire e portare a casa un guadagno. Certo, più un fondo è in grado di seguire l’investimento di venture capital di successo e più evidentemente può guadagnare dall’aumento di valore esponenziale dell’investimento.

I fondi di venture italiani sono ancora di dimensioni piccole rispetto ai principali fondi europei o del resto del mondo, ma alcuni campioni si stanno distinguendo e si stanno dimostrando in grado di seguire le proprie partecipate in round successivi, coinvolgendo anche grandi fondi internazionali, a dimostrare che il mercato sta davvero prendendo una sua consistenza.

Credimi offre soluzioni di factoring digitale specificatamente pensate per gestire il circolante delle aziende.

Cessioni di credito selettive o massive, pro solvendo e pro soluto, anche confidenziali, e anche soluzioni di supply chain finance permettono di ottimizzare e abbattere il capitale circolante in maniera rapida e significativa, rappresentando una perfetta soluzione di factoring incrementale a disposizione del Responsabile Finanziario, particolarmente facile e veloce da attivare, la risposta perfetta ad esigenze di liquidità come quelle poste dal passaggio alla fatturazione elettronica.

Ottieni Proposta da Credimi

Tutte le soluzioni di Credimi sono rapide da attivare — per la richiesta gratuita di un plafond basta un minuto e la Partita Iva — ed offrono una grande flessibilità di utilizzo. Assenza di costi fissi e commissioni di entrata, di istruttoria o di installazione, nessun obbligo verso soluzioni massive, nessun impegno temporale. A disposizione della tesoreria sempre una reportistica integrata delle operazioni effettuate e delle scadenze.

Hai delle domande o vuoi saperne di più su Credimi?

Consulta la nostra sezione delle Domande Frequenti, o contattaci.

Categoria: Finanza e Mercati

Condividi questo articolo:
     

Iscriviti al Blog

Iscriviti gratuitamente al blog di Credimi per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità nel mondo della finanza innovativa.

Ultimi articoli