Fintech News

Le top 5 news fintech della settimana del 7 settembre

Fintech News al 7 settembre

Ecco le principali notizie della settimana appena trascorsa.

Funding Circle ha annunciato la propria IPO

Con un post sul proprio blog, questa settimana Funding Circle, la principale piattaforma di P2P lending del Regno Unito, ha annunciato la propria quotazione alla Borsa entro alla fine dell’anno. “Oggi abbiamo annunciato la prossima fase della nostra crescita e siamo lieti di confermare che stiamo considerando la possibilità di procedere con un’offerta pubblica iniziale (IPO)si legge appunto nella nota. Funding Circle, lanciata circa 8 anni fa che opera oggi in UK, Germania, Paesi Bassi e USA, ha erogato crediti a più di 50.000 PMI a livello globale per oltre 5 miliardi di sterline. Secondo alcune testate Funding Circle potrebbe andare in IPO con una valutazione di circa 2 miliardi di sterline. Si stima che con l’IPO Funding Circle raccoglierà 300 milioni di sterline.

 

L’Australia sta per lanciare la propria “blockchain di Stato”

La collaborazione tra il governo australiano ed IBM era già nota, ma ora il progetto porterà ufficialmente alla nascita di una blockchain di Stato, che si chiamerà “Australian National Blockchain (ANB)”. L’annuncio è arrivato dall’agenzia governativa australiana CSIRO: “la piattaforma ha il potenziale per rappresentare una nuova significativa infrastruttura nell’economia digitale australiana, consentendo alle aziende a livello nazionale di unirsi alla rete per utilizzare contratti digitalizzati, scambiare dati e confermare l’autenticità e lo stato di contratti legali”. Di fatto quindi ANB sarà la prima soluzione blockchain disponibile su larga scala per tutte le aziende australiane, e sarà progettata per essere completamente conforme alle leggi del paese.

 

Nuove regole per il crowdfunding europeo

La commissione Affari economici e monetari del Parlamento europeo ha approvato questa settimana la bozza della nuova normativa sull’investment crowdfunding, cioè lending ed equity crowdfunding. Tra le novità c’è l’innalzamento del tetto di raccolta a 8 milioni su un periodo di 12 mesi; in precedenza il limite era di un milione, cioè inferiore rispetto a quello previsto in numerosi Paesi, tra i quali l’Italia (in cui il massimo è 5 milioni). Nella nuova normativa è anche previsto un maggior coinvolgimento delle autorità di vigilanza nazionali, la previsione di modalità per permettere a piattaforme extra-Ue di entrare sul mercato dell’Unione europea e l’apertura al mondo delle Initial Coin Offering (Ico), che se la normativa dovesse essere confermata, potranno essere gestite attraverso piattaforme di investment crowdfunding.

 

Amazon lancia nuovi servizi per pagamenti in India

Dopo che la scorsa settimana Google aveva annunciato la sua collaborazione con 4 banche indiane, questa è invece la volta di Amazon. La company di Jeff Bezos ha infatti lanciato in India un nuovo servizio di pagamento delle bollette che consente di pagare luce, telefono, internet e altri servizi usando il conto Amazon Pay. «Il lancio di un servizio di pagamento bollette rafforza l’obiettivo di Amazon di fornire alla clientela indiana un’ampia gamma di servizi finanziari. Dobbiamo continuare a innovare per semplificare sempre di più il sistema dei pagamenti in questo paese», ha dichiarato Shariq Plasticwala, responsabile dell’area pagamenti di Amazon.

 

È arrivata in Italia la versione beta di Yolt

La piattaforma fintech inglese Yolt ha aperto al mercato italiano da giovedì 6 settembre. Yolt, già attiva nel Regno Unito dal 2017 con oltre 300 mila utenti, è un’ applicazione di smart money, nata per iniziativa ING Bank N.V, che permette la gestione intelligente delle finanze personali facendo leva sulla nuova regolamentazione europea PSD2, la direttiva che chiede alle banche di concedere a soggetti terzi un accesso sicuro ai conti dei clienti e alle informazioni sui pagamenti, ovviamente a condizione che anche l’utente abbia concesso la propria autorizzazione. Con Yolt l’utente può connettere sotto un unico ambiente sicuro i propri conti bancari e le proprie carte, per avere così sempre il controllo delle proprie finanze in tempo reale.

 

Credimi è leader del finanziamento digitale alle imprese in Europa Continentale, con oltre 900 milioni finanziati in tutta Italia e più di 41 mila richieste di finanziamento processate.

 

SCOPRI DI PIÙ SU CREDIMI

 

Altre notizie simili
Fintech News al 24 agosto 2018

Le top 5 news fintech della settimana del 24 agosto 2018

Le notizie più importanti della settimana del 24 agosto 2018 sulla finanza digitale ed il mondo del factoring.
Fintech News 5 ottobre

Le top 5 news fintech della settimana del 5 Ottobre

Le notizie più importanti della settimana del 5 ottobre 2018 sulla finanza digitale ed il mondo del factoring.
Fintech News 7 Dicembre

Le top 5 news fintech della settimana del 7 dicembre

Le notizie più importanti della settimana del 7 dicembre 2018 sulla finanza digitale ed il mondo del factoring.