Fintech News

Le top 5 news fintech della settimana del 14 settembre

Fintech news 14 settembre 2018

Ecco le principali notizie della settimana appena trascorsa.

Bankitalia: attenzione al sorpasso dei giganti della tecnologia

«Che alcuni giganti della tecnologia, per esempio Apple, diventino banche – ha dichiarato Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d’Italia, durante l’incontro “FinTech e InsurTech: tecnologie digitali, banche, assicurazioni” organizzato alla Fiera del Levante di Bari – è una possibilità di cui si legge sui giornali. Anche questa è una opportunità e un rischio, è un problema per chi ha responsabilità di regolazione e controllo, di supervisione. Ovviamente se i giganti della tecnologia diventano banche vere e proprie, si assoggettano alle regole e al controllo dei regolatori di tutto il mondo. Se non lo fanno, bisogna cambiare le regole e inventarsi nuovi modi di controllarli». Il Sistema bancario sta comunque dimostrando una maggiore attenzione verso l’ Information and communications technology (Ict), raggiungendo 4,75 miliardi di euro di spesa, con il 60% delle realtà di settore che ha aumentato gli investimenti nel 2018 rispetto all’anno precedente.


Robinhood, servizio di criptovalute, prepara la sua IPO

Robinhood, celebre piattaforma per il trading di azioni e criptovalute, pianifica il lancio di una Initial Public Offering (IPO). Robinhood è attiva negli Stati Uniti ed ha iniziato a fornire servizi con criptovalute a partire da febbraio 2018; a maggio ha ottenuto 363 milioni di dollari grazie ad un investimento di tipo D, e successivamente altri 110 milioni con una serie di investimenti C, grazie ai quali ha raggiunto un valore di 5,6 miliardi di dollari e diventando così la seconda start-up fintech degli USA. Baiju Bhatt, CEO di Robinhood, intervistato da TechCrunch, ha dichiarato che sono in corso i controlli da parte della Security and Exchange Commission (SEC) e della Financial Industry Regulatory Authority (FINRA), al fine di garantire la conformità regolamentare delle operazioni.


Il Regno Unito e Israele collaboreranno sul fintech e la sicurezza informatica

TheCityUK, in rappresentanza dei servizi finanziari nel Regno Unito, e City TLV di Israele, ente che promuove Tel-Aviv come centro finanziario internazionale, hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) per sostenere l'innovazione digitale e la collaborazione tra i due Paesi. "Israele ha la più alta densità di start-up pro capite al mondo", ha dichiarato Miles Celic, amministratore delegato di TheCityUK”. Tel Aviv è leader mondiale nell'innovazione e nella tecnologia che sta guidando l'emergere di fintech, in particolare in ambito di sicurezza informatica, sicurezza delle informazioni, intelligenza artificiale e innovazione mobile. È un partner naturale per il Regno Unito e contribuirà a rafforzare ulteriormente la posizione di Londra come il principale centro al mondo di fintech".

 

Mastercard e Microsoft lanciano loro piattaforma di pagamento B2B

Si chiama Mastercard Track, ed è la nuova piattaforma per digitalizzare e semplificare il processo delle transazioni commerciali tra aziende. Lo scopo del nuovo prodotto è ridurre i passaggi per rendere il processo più efficiente e controllato. "Mentre ci sono stati grandi miglioramenti e innovazioni nel modo in cui i trasferiscono i soldi i consumatori, lo spazio B2B globale rimane altamente inefficiente e basato su carta - ha affermato sul blog ufficiale Michael Froman, vice presidente e presidente della crescita strategica di Mastercard - Mastercard Track è uno strumento che contribuirà a ridurre gli attriti nel sistema commerciale globale e promuoverà un aumento delle esportazioni, soprattutto da parte delle piccole e medie imprese".

X Financial, società fintech cinese, prepara lo sbarco in borsa USA

X Financial, società nata nel 2014 che gestisce una piattaforma di prestito peer-to-peer in Cina, ha annunciato questo mercoledì 12 settembre i termini per l’IPO, prevedendo l’iscrizione sul NYSE con il simbolo XYF. X Financial ha un fatturato sui 12 mesi di 442 milioni di dollari, e la società con sede a Shenzhen, in vista dell’IPO prevede di raccogliere $ 110 milioni.


Credimi rappresenta un esempio di come la finanza digitale può aiutare le imprese più moderne e dinamiche: sviluppa soluzioni di factoring digitale, flessibili e adattabili alle esigenze di ogni responsabile finanziario, sempre disponibili, semplici da attivare in pochi giorni online, completamente senza costi fissi.

Hai delle domande o vuoi saperne di più su Credimi?

Consulta la nostra sezione delle Domande Frequenti, o chiama il numero verde 800 195 195

Altre notizie simili
Fintech news luglio 2018

Le top 5 news fintech della settimana del 13 luglio 2018

Le notizie più importanti della settimana del 13 luglio 2018 sulla finanza digitale ed il mondo del factoring.
Una selezione delle più importanti notizie fintech - settembre 2018

Le top 5 news fintech della settimana del 21 settembre

Le notizie più importanti della settimana del 21 settembre 2018 sulla finanza digitale ed il mondo del factoring.
Fintech News 5 ottobre

Le top 5 news fintech della settimana del 5 Ottobre

Le notizie più importanti della settimana del 5 ottobre 2018 sulla finanza digitale ed il mondo del factoring.