Finanza e Mercati

Split payment: il circolante digitale come soluzione

Il circolante digitale è una soluzione allo split payment

Come finanziare il funding generato dall'ampliamento dello split payment?

di: Luca Bottone

Lo split payment è un meccanismo secondo il quale il committente di un bene o servizio paga l’IVA sulla fornitura direttamente all’erario invece che all’azienda fornitrice. 

Dal primo luglio è stata ampliata l'applicazione prevista dal Decreto Legge, oltre che a nuove categorie di enti della Pubblica Amministrazione e ad aziende da loro controllate, alle aziende quotate inserite nell’indice FTSE MIB. Ad oggi lo split payment si applica alle fatture emesse nei confronti delle seguenti categorie di soggetti:
  • pubbliche amministrazioni classificate nell’elenco Istat «Pubbliche Amministrazioni» inserite nel conto economico consolidato individuate dall’Istat (quindi tutti gli enti per i quali viene emessa la fattura elettronica);
  • società controllate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dai singoli Ministeri e società controllate a loro volta da queste;
  • società controllate dalle regioni, province, città metropolitane, comuni e società da queste controllate;
  • società quotate inserite nell’indice FTSE MIB (principale indice di benchmark dei mercati azionari italiani composto dalle 40 maggiori società che rappresentano l'80% della capitalizzazione delle società quotate sul mercato italiano).

In cosa si sostanziano gli effetti dello split payment per le società fornitrici di tali soggetti? Lo split payment determina un’esigenza di finanziamento dovuta al mancato pagamento dell’IVA da parte dei committenti; le aziende fornitrici potranno così trovarsi con IVA a credito che si trasforma in cash out in sede di pagamento dell’acquisto delle materie prime e, non potendo scalare l’IVA a debito versata direttamente dal committente, avranno un cash in solo nel momento in cui l’erario procederà con il rimborso all’azienda fornitrice dell’IVA a credito (con tempi variabili che vanno da un trimestre a un anno in base a numerose variabili che vanno dall’importo del rimborso al regime IVA in cui rientra il fornitore).

Gli impatti maggiori saranno subiti dalle aziende con fatturato concentrato sui soggetti a cui si applica lo split payment; al contrario, un’azienda con fatturato poco concentrato su tali soggetti utilizzerà l’IVA a debito ricevuta dagli altri committenti per nettare l’IVA a credito e ridurre le richieste di rimborso all’erario e quindi le esigenze di funding.

A quanto ammonta l'esigenza di funding?

Abbiamo calcolato l'esigenza di finanziamento per le società fornitrici dei nuovi soggetti sottoposti allo split payment. Partendo dalle stime riportate nella relazione tecnica presentata alla Camera dei Deputati in sede di approvazione delle modifiche allo split payment, le due maggiori categorie a rilevanza per società di persone e capitali fanno riferimento all'estensione dello split payment per:
  • le società controllate dalla Pubblica Amministrazione: si tratta di 150.004 fornitori per un valore complessivo di € 85,8 miliardi a cui corrisponde un totale di € 12,5 miliardi di IVA annua;
  • le società quotate inserite nell’indice FTSE MIB: si tratta di 62.392 fornitori per un valore complessivo di € 29,2 miliardi a cui corrisponde un totale di € 4 miliardi di IVA annua.


Complessivamente l’impatto riguarda € 16,5 miliardi di IVA annua che non sarà più pagata ai fornitori, ma direttamente dai committenti all’erario; ipotizzando una marginalità media del 15% e la liquidazione del rimborso IVA mediamente tre mesi dopo aver pagato le fatture d’acquisto, l’ampliamento dell’applicazione dello split payment genererà un’esigenza strutturale di funding stimabile tra € 2 e € 3,5 miliardi.

Oltre a questo impatto diretto, si consideri che l’ulteriore drenaggio di liquidità nei confronti dei soggetti a cui si applica lo split payment (calcolato dall’Ufficio Studi di Confartigianato pari a € 10 miliardi tra giugno 2016 e maggio 2017) porterà ad un ulteriore allungamento delle tempistiche di pagamento, specialmente rispetto ai soggetti che saldano già con ritardo i propri debiti (in particolare gli enti della Pubblica Amministrazione), ampliando ulteriormente le esigenze di finanziamento per le aziende fornitrici.


split-payment-credimi-img.png

Come soddisfare tale bisogno di funding?

Ci aspettiamo un incremento del ricorso ad operazioni di factoring ad oggi possibile anche attraverso l’uso di un prodotto digitale. Riteniamo che l’aumento della quota dei crediti anticipati rappresenti l’azione più efficace, soprattutto se con prodotti digitali, che garantiscono maggiore flessibilità rispetto agli intermediari tradizionali, in quanto a parità di plafond definito pre split payment sarà sufficiente che le aziende presentino un numero maggiore di fatture per mantenere stabile il livello di erogazioni ricevute pre split payment (compensando quindi la quota di IVA con ulteriori crediti verso clientela).
Inoltre, la velocità con cui potrà essere soddisfatta l’esigenza di funding attraverso il circolante digitale, rappresenta sicuramente un valore da non sottovalutare rispetto alla richieste di nuove linee (a scadenza o revoca) agli intermediari finanziari tradizionali.

In tale ambito, Credimi rappresenta una delle soluzioni disponibili anche per soddisfare le esigenze di funding conseguenti l’ampliamento dello split payment in quanto:

  • si attiva in 48 ore e con pochi click da parte del cliente;
  • non richiede alcun costo di messa a disposizione del plafond garantendo ad ogni azienda il diritto di essere valutata oggettivamente, a prescindere da relazioni e geografia;
  • può essere utilizzata per le fatture che si vuole, offrendo la massima flessibilità e senza costi fissi;
  • consente lo smobilizzo dei crediti, liberando il circolante per finanziare crescita e innovazione.

 SCOPRI DI PIU'

 

Altre notizie simili

Finanziamento: quanto vale il tuo tempo?

Risparmia tempo prezioso e fai crescere il tuo business con il factoring digitale di Credimi, soluzioni intelligenti al servizio delle imprese.

Il linguaggio della finanza alternativa e digitale

Scopri i nuovi strumenti finanziari a disposizione dei CFO e i termini utilizzati per poter scegliere gli strumenti finanziari giusti per la tua azienda.

Tutte le piattaforme web che finanziano il circolante

Finanziare le fatture commerciali tramite piattaforme web sta diventando un’abitudine per le imprese europee. Il digital factoring in Italia è in crescita.