Finanza e Mercati - 29 ottobre 2019
Tempi di pagamento: come incidono sulla redditività?

Redazione di Credimi.com

La tua azienda viene pagata a 90 giorni? La tua redditività potrebbe aumentare fino all’1% all’anno riducendo i tempi di pagamento a 60 giorni. Ogni giorno in più per ottenere un pagamento alla tua azienda, infatti, è una lieve perdita in redditività. Vediamo come potrebbe far bene al  business una effettiva riduzione nei tempi di pagamento e quali strumenti finanziari hai a disposizione per compensare i tempi di incasso dei crediti commerciali.

Vuoi conoscere le opportunità più aggiornate del Fintech? Scarica il Dizionario Gratuito del Fintech e scopri tutti gli strumenti della nuova finanza digitale per le aziende!

SCARICA IL DIZIONARIO DEL FINTECH

 

I tempi di pagamento sono notoriamente una variabile cruciale per ogni impresa, dal momento che garantiscono l’equilibrio fra le attività e le passività correnti, permettendo all’impresa di essere solvibile nel breve periodo.

Nonostante ciò

  • il 55% delle PMI europee si è visto richiedere tempi di pagamento più lunghi rispetto a quanto avrebbe preferito;
  • il 51% ha accettato pur di non mettere a rischio la relazione commerciale (dati di Intrum Justitia 2019). 

Non vi è da stupirsi, quindi, che il tema dei tempi di pagamento stia assumendo sempre una maggior rilevanza in Europa.

Già nel 2011 l’Unione Europea aveva diramato la Late Payment Directive, la cui finalità principale era proprio quella di migliorare la competitività delle imprese europee attraverso la riduzione dei tempi di pagamento e la penalizzazione dei ritardi

Tutto questo è particolarmente vero anche per il contesto italiano, dove la media dei tempi di pagamento effettivi fra imprese è maggiore della media europea di circa 8 giorni (dati rilevati dall'European Payment Report di Intrum Justitia del 2019).

Considerato ciò, è dunque d’obbligo porci la domanda:

Esiste una correlazione tra l’aumentare del tempo di incasso dei crediti commerciali e la perdita di redditività?

 

Tempo di incasso dei crediti commerciali: in che modo incide?

Analizzando il settore chimico e plastico dell’industria manifatturiera italiana*, abbiamo testato la relazione fra i tempi di pagamento e la redditività nell’ottica del working capital management. Una gestione aggressiva del capitale circolante, ovvero una strategia volta alla riduzione della durata del ciclo di conversione del cash, si è dimostrata avere una correlazione positiva con la redditività delle imprese analizzate. Ciò implica, per contro, una relazione negativa fra i tempi di pagamento per l’incasso dei crediti commerciali e la redditività, essendo la riduzione dell’incasso dei crediti commerciali variabile chiave per perseguire una strategia aggressiva di gestione del circolante.

In particolare, per quanto riguarda i tempi di pagamento, un aumento di un giorno per l’incasso dei crediti commerciali comporta una perdita di redditività dello 0,01% e dello 0,02%, rispettivamente per il settore chimico ed il settore plastico. Essendo, per i due settori, la media dei giorni per l’incasso dei crediti commerciali di circa 100 giorni, una riduzione dei tempi di pagamento a 60 potrebbe portare, in media, dei guadagni di redditività  fino all’1% su base annua (misurata attraverso il ROA).

Ma non solo.

Oltre ai tempi di pagamento, la redditività risulta essere correlata anche alla dimensione dell’impresa. Un aumento di un giorno per l’incasso dei crediti commerciali comporta perdite di redditività maggiori per le imprese al diminuire della dimensione delle aziende analizzate.

credimi-tempi-di-pagamento-correlazione-reddività2.jpg Tabella: effetti economici della reddività a seconda della dimensione delle imprese del settore plastico.

*Fonte: Estratto dalla tesi di Edoardo De Santis, Laurea specialistica in Management, Università Bocconi. Relatore: Prof.ssa Omarini.

 

La finanza digitale per ridurre i tempi di pagamento

Le pmi sembrano quindi le più penalizzate dal prolungarsi dei tempi di incasso dei crediti commerciali. Ma la finanza mette loro a disposizione una serie di strumenti per far fronte all’accumularsi di crediti commerciali che possono portare ad un prolungarsi dei tempi di pagamento.

Fra questi strumenti possiamo contarne alcuni particolarmente efficaci come il factoring e l’anticipo fatture, che permettono di utilizzare i propri crediti per agire rispetto ai tempi di pagamento e ottenere immediata liquidità.

Credimi_dizionario del fintech

SCARICA IL DIZIONARIO DEL FINTECH

In particolare oggi, nel mondo dell’industria 4.0 e della digital transformation, in cui anche la finanza si digitalizza, è possibile accedere a questi strumenti anche in modalità digitale. Piattaforme fintech nate in seno alla nuova finanza alternativa e digitale, attraverso soluzioni come il digital factoring o servizi digitali di anticipo fatture accompagnano sempre più spesso le imprese ad incassare i propri crediti commerciali in modo efficiente, semplice e soprattutto rapido.

In questo modo le imprese hanno a disposizione un ulteriore, agile strumento per ridurre i tempi medi di incasso dei crediti e aumentare la redditività.

Categoria: Finanza e Mercati

Credimi_dizionario del fintech

IL DIZIONARIO DEL FINTECH

Vuoi conoscere le opportunità più aggiornate del Fintech? Scarica il Dizionario Gratuito del Fintech e scopri tutti gli strumenti della nuova finanza digitale per le aziende!

SCARICA IL DIZIONARIO DEL FINTECH
Condividi questo articolo: